Informazioni e servizi
per datori di lavoro
e lavoratori
del settore domestico
Fidaldo Federcolf CGIL-Filcams CISL-Fisascat UIL-TuCS

Condividi:

facebook twitter linkedin google email
Home page | Pagina corrente: FAQ

FAQ

Domande frequenti

In questa pagina pubblichiamo una breve raccolta delle domande che più frequentemente ci vengono rivolte. Consultarle può aiutarti a trovare risposte.
Che cosa è la Cassacolf?
La Cassacolf è uno strumento contrattuale che i sindacati dei lavoratori e dei datori di lavoro hanno costituito per fornire prestazioni sanitarie ai propri iscritti.

Il pagamento dei contributi contrattuali è obbligatorio?
Il mancato pagamento dei contributi contrattuali può ingenerare un contenzioso con il proprio dipendente per il mancato beneficio delle prestazioni sanitarie previste dalla Cassacolf.

Per perfezionare l'iscrizione alla Cassacolf occorre compilare anche i moduli sulla privacy o altri?
No. Per essere iscritti è sufficiente dimostrare al momento della richiesta delle prestazioni di aver provveduto ai versamenti coincidenti con il pagamento trimestrale dei contributi previdenziali Inps.E' comunque possibile segnalare l'iscrizione compilando l'apposito coupon presente sul sito.

Le quote di assistenza contrattuale possono essere cumulabili qualora si abbiano più rapporti di lavoro?
Si. La Colf che abbia più rapporti di lavoro coincidenti con lo stesso periodo o in altri periodi dell'anno, per i quali sia stata versata la quota si cumulano per avere il diritto alle prestazioni.
Ciò vale anche per il datore di lavoro che abbia attivato più rapporti contemporaneamente o in diversi periodi dei 12 mesi dal primo versamento.

Quando scatta il diritto alle prestazioni della Cassacolf?
Nel momento in cui sono stati raggiunti 25 euro di versamenti si potrà retrocedere di 12 mesi per verificare l'evento previsto dalle prestazioni e richiedere i relativi rimborsi. I primi tre mesi dalla prima iscrizione sono scoperti dalle prestazioni e occorre dimostrare la copertura dei versamenti nei quattro trimestri precedenti. il periodo di maternità è considerato utile ai fini dei quattro trimestri.

Quando si effettuano i versamenti alla Cassacolf?
In coincidenza del pagamento trimestrale dei contributi previdenziali Inps. Non è prevista altra forma di versamento.

Quanto è l'ammontare del contributo contrattuale?
L'entità del contributo è definita dal Contratto nazionale. L'art. 49 prevede la quota di € 0,03 per ogni ora retribuita, di cui € 0,01 a carico del lavoratore e € 0,02 a carico del datore di lavoro.
Si potranno versare volontariamente contributi integrativi ai 0,03 euro per raggiungere i 25 euro annui.

Come si pagano i contributi alla Cassacolf?
Inserendo nel modulo di pagamento trimestrale dei contributi previdenziali Inps nel campo denominato “ C.ORG” il codice F2 e nel campo “importo” la somma derivante dalla moltiplicazione delle ore retribuite nel trimestre per € 0,03. 
Si dovranno infine assommare i contributi previdenziali con quelli contrattuali.

Per conoscere meglio la Cassacolf a chi mi posso rivolgere?
Consultando le pagine di questo sito, chiedendo informazioni scrivendo all'indirizzo email info@cassacolf.it o rivolgendosi alle sedi sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro della sua città consultando la pagina A chi rivolgersi